Foto: Assobio
Biologico

Nicoletta Maffini alla guida di Assobio

Alla presidenza dell’associazione che raccoglie 133 aziende italiane del biologico per la prima volta una donna. Subentra, dopo tre mandati, a Roberto Zanoni in un momento chiave per questo tipo di prodotti che hanno toccato, in Italia, un valore di mercato pari a 5 miliardi di euro

Redazione 30 Giugno 2023

È Nicoletta Maffini la nuova Presidente di Assobio, l’associazione che raccoglie 133 imprese italiane di produzione, trasformazione e distribuzione dei prodotti biologici e naturali. Rappresenta la prima donna a ricoprire questo ruolo nella storia di Assobio e subentra a Roberto Zanoni, che ha guidato questa organizzazione per tre mandati consecutivi, dal 2014.

Momento chiave

Nicoletta Maffini è stata negli ultimi tre anni Vicepresidente di Assobio ed è dal 2020 Direttore generale di Conapi Mielizia, cooperativa leader nella produzione di miele e prodotti apistici. Fino al 2013 è stata Responsabile marketing e comunicazione di Alce Nero. Prende le redini dell’associazione in un momento chiave per lo sviluppo del biologico italiano che ha raggiunto un valore di mercato pari a 5 miliardi di euro nel nostro paese e rappresenta il 6% di tutto l’export agroalimentare nazionale. L’Italia inoltre con il 18% si trova ai vertici dei paesi europei per superficie coltivata a biologico. Una fase che vede grande attenzione verso questa tipologia di prodotti, come conferma l’approvazione della Legge 23/2022. Ma che non è priva di insidie, come li stessa ha sottolineato:

«Ringrazio le aziende associate e i consiglieri per la mia nomina di presidente di Assobio. L’obiettivo è proseguire un lavoro già iniziato nei precedenti mandati con importanti sforzi e diversi traguardi raggiunti. Il momento tuttavia è complesso e, in una crisi economica come quella che viviamo, il prodotto premium, come lo è il biologico, soffre».

Leggi anche:  Una speranza chiamata bio

La vicepresidenza

Alla Vicepresidenza è stato confermato Jacopo Orlando, agronomo, Agricultural Public Affairs, Impact & Sustainability manager del gruppo Aboca: «La nuova attenzione dei consumatori alla sostenibilità dei processi di produzione e al loro impatto sulla salute investe tutti noi di una importante responsabilità: supportare la crescita dei consumi assicurando il rispetto dei valori fondamentali del settore, richiamati anche dal Green Deal Europeo. La presidenza di Nicoletta Maffini assicura una continuità con l’operato di Zanoni. Sono sicuro che il nuovo Consiglio Direttivo sarà in grado di affrontare le nuove sfide alle quali siamo chiamati».

 

Nuove sfide

Con il Presidente uscente, Roberto Zanoni, Assobio ha ampliato la propria base da 80 a 133 soci del settore agroalimentare, cosmetico e della distribuzione ed è giunta a rappresentare, attraverso i suoi soci, il 70% circa delle vendite di biologico in Italia. Così ha commentato Zanoni il passaggio di testimone: «Dopo tre mandati consecutivi, è giusto lasciare spazio a un ricambio generazionale. Con Nicoletta Maffini abbiamo lavorato molto sul credito di imposta, sui costi delle certificazioni per le imprese del biologico e alla richiesta al Masaf di una piattaforma di tracciabilità validata dal Ministero. Tra le altre iniziative ci sono il crescente impegno sulle sementi biologiche e il lancio di eventi di sensibilizzazione come la Settimana del Bio».  E ancora:

 

Roberto Zanoni è il presidente di Assobio

Roberto Zanoni è stato per tre mandati, dal 2014, presidente di Assobio (Foto: Assobio)

«Sono solo alcune delle numerose sfide che attendono la nuova Presidente, ma sono convinto che gli imprenditori di Assobio siano in ottime mani con Nicoletta Maffini per la guida dell’associazione».

Condividi questo articolo: