Un gong nella foresta Foto: Enrica Bortolozzi
Eventi

Suona il gong, comincia il Festival della Bellezza

Immersioni nella foresta e un programma centrato per intero sulla ricerca olistica. A Pratovecchio Stia, dal 4 al 6 agosto, un’esperienza finalizzata alla crescita personale verso un’idea di benessere coerente con i cicli della natura. Fra conferenze e attività di gruppo

Alice Scialoja 23 Luglio 2023

Presentazioni di libri, esposizioni di artigianato artistico, spazi dedicati alle discipline olistiche e alle aziende agricole del territorio.  Il Festival della Bellezza, dal 4 al 6 agosto, celebra tutto questo a Pratovecchio Stia, nella zona più settentrionale della provincia di Arezzo. La manifestazione fa parte del progetto “La via delle foreste”, realizzato dall’associazione La grande via che comprende un’immersione nella foresta a numero chiuso con quota di iscrizione, durante la quale si potrà vivere un’esperienza di sinergia con il contesto naturale, grazie a camminate meditative e attività olistiche. Inoltre un programma di eventi a partecipazione gratuita, rivolto a un pubblico più ampio: il Festival della Bellezza, appunto, che sarà animato da conferenze, laboratori, workshop, letture e proiezioni, con la natura e il benessere a fare da filo conduttore.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fondazione La Grande Via (@la.grande.via)

 

Il programma

A inaugurare il festival nel pomeriggio del 4 agosto, presso la sede del Parco delle Foreste Casentinesi, saranno il presidente dell’area protetta Luca Santini, insieme alla giornalista Enrica Bortolazzi e al dottor Franco Berrino, fondatori dell’associazione La Grande Via. Si prosegue con una mostra fotografica per le vie del paese, pillole di alimentazione salutare e show cooking nella piazza Vecchia, laboratorio di yoga e suoni nella piazza dei Sassini e infine concerto di gong presso il Teatro Antei. La giornata successiva si aprirà con un laboratorio per bambini dal titolo “I custodi del pianeta”, poi con un concerto di Bansuri, flauto traverso di bambù, tra i più antichi strumenti musicali della musica classica indiana. Alle 15.00 camminata consapevole e conferenza sul tema dello shinrinyoku, il bagno di foresta.

 

Meditazione nella foresta al Festival della bellezza

Foto: Enrica Bortolozzi

E ancora proiezioni dedicate alla foresta, un corso di cucina macromediterranea, un incontro dedicato riserva integrale di Sasso Fratino e la proiezione del docu-film e presentazione del libro La Foresta di Perle. Domenica 6, infine, risveglio con lo yoga, laboratori per bambini e diversi incontri, tra cui una conferenza su Animali e montagne, un laboratorio sui suoni della foresta e letture di padre Ubaldo Cortoni, monaco eremita camaldolese.

Chiusura del festival alle 17.00 con Suoni della Foresta e bagno di Gong nella piazza Vecchia.

 

Il Festival della bellezza

Foto: Stefano Fabrizi

Per saperne di più

Leggi anche:  L'estate al ritmo giusto. Dieci eventi fra cultura, sapori ed agroecologia
Condividi questo articolo: